06.4425.0205 - 06.4425.1074 info@ebilcoop.it

Statuto

FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL SETTORE TURISTICO ALBERGHIERO

 

Articolo 1 – Denominazione e natura

E’ costituita una associazione avente la denominazione “Fondo ASICOOP-Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa per i lavoratori di Cooperative”, in breve “ASICOOP”.
L’Ente ha natura di associazione non riconosciuta senza scopo di lucro ai sensi degli artt. 36 e seg. c.c.

 

Articolo 2 – Sede

L’Ente ha sede in Roma. Con delibera dell’Organo Amministrativo potranno essere istituite sedi secondarie e uffici in tutto il territorio nazionale.

 

Articolo 3 – Scopi

L’Ente ha scopo di garantire, ai lavoratori iscritti, trattamenti di assistenza sanitaria integrativa, secondo le modalità stabilite dal regolamento di attuazione.

 

Articolo 4 – Durata

La durata dell’Ente è illimitata.

 

Articolo 5 – Soci

Sono soci fondatori dell’Ente: L’Ebilcoop- Ente Bilaterale Nazionale, l’Associazione datoriale Unicoop – Unione Italiana Cooperative e la Federazione Nazionale UGL Terziario.

 

Articolo 6 – Organi

  1. Gli Organi dell’Ente sono:
    • L’Assemblea
    • Il Consiglio di Presidenza
    • Il Presidente
    • Il Vice Presidente
    • Direttore Generale
    • Il Collegio dei Revisori
  2. Tutte le cariche sono elettive, hanno la durata di cinque esercizi finanziari e possono essere riconfermate.
  3. Qualora in tale periodo uno o più membri venisse a cessare dalla carica, il socio che lo ha designato provvederà alla sua sostituzione con comunicazione scritta. E comunque il socio potrà sostituire i propri delegati in qualsiasi momento. Il nuovo delegato avrà, per la durata della carica, la stessa anzianità di quello sostituito.

 

Articolo 7 – Assemblea

  1. L’Assemblea è composta dai soci fondatori, l’Ebilcoop, l’Associazione datoriale Unicoop e la Federazione Nazionale UGL Terziario, nelle persone dei rispettivi rappresentanti legali ovvero dagli eventuali delegati a mezzo delega.
  2. L’Assemblea è convocata dal Presidente dell’Ente, almeno una volta l’anno, per l’approvazione del bilancio previsionale e del bilancio consuntivo, per l’approvazione di eventuali modifiche dello Statuto e per l’esame delle iniziative sociali intraprese o da intraprendere, e ogni qualvolta, a giudizio del Consiglio di Presidenza, speciali circostanze lo richiedano. Se i membri del Consiglio di Presidenza non vi provvedono, la convocazione può essere ordinata dal Presidente del Tribunale. L’Assemblea provvede, a nominare, in caso di superamento di determinati parametri dimensionali individuati dal Consiglio di Presidenza, un OdV ad hoc determinando in tal caso la relativa disciplina. L’Assemblea ha altresì la facoltà di affidare il controllo contabile dell’Ente ad una società di Revisione. L’Assemblea è inoltre competente in merito agli specifici argomenti previsti dal presente Statuto.
  3. La convocazione dell’Assemblea sarà effettuata almeno 7 giorni prima della data fissata a mezzo lettera raccomandata spedita al domicilio dei soci, contenente l’ordine del giorno, il luogo, il giorno, l’ora della riunione.
  4. L’avviso di convocazione potrà essere inviato in alternativa:
    • A mezzo fax almeno sette giorni prima dell’adunanza a condizione che il numero di fax del destinatario della convocazione sia stato preventivamente depositato presso la sede sociale;
    • Anche a mezzo e-mail almeno sette giorni prima dell’adunanza a condizione che l’indirizzo di posta elettronica del destinatario della convocazione sia stato preventivamente depositato presso la sede sociale

    In casi di particolare urgenza è ammessa la convocazione con i suddetti mezzi con un preavviso minimo di 48 ore.

  5. L’assemblea può essere convocata anche in luogo diverso dalla sede sociale.
  6. L’Assemblea sarà presieduta dal Presidente dell’Ente o, in caso di impedimento o assenza di questi, dal Vice Presidente, il quale è comunque invitato a partecipare. L’Assemblea è validamente costituita con la presenza del 100 per cento dei soci. Le deliberazioni sono validamente assunte ove riportino il voto unanime dei soci.
  7. Le deliberazioni dell’Assemblea risultano dal verbale redatto dal segretario e firmato dal Presidente o dal Vice Presidente e dal segretario stesso.
  8. I verbali delle Assemblee saranno a disposizione dei soci i quali, mediante richiesta scritta, potranno prenderne visione presso la sede.
  9. All’Assemblea spetterà, in occasione della nomina o con apposita deliberazione, stabilire un gettone di presenza per i membri del Consiglio di Presidenza ed una indennità per il Presidente ed il Vice Presidente ed eventualmente per altri membri del Consiglio di Presidenza in virtù di specifiche deleghe.

 

Articolo 8 – Consiglio di Presidenza

  1. Il Consiglio di Presidenza, eletto dall’Assemblea, è composto da un numero pari di membri, con un minimo di 4 membri ed un massimo di 8, dei la metà nominati dalla Associazione Datoriale Unicoop e l’altra metà nominati da Federazione Nazionale UGL Terziario.
  2. Il Consiglio elegge tra i suoi membri il Presidente ed il Vice Presidente, rispettivamente, su designazione della Associazione Datoriale Unicoop e della Federazione Nazionale UGL Terziario come previsto dall’art. 9 punto 1 del presente Statuto.
  3. Al consiglio di Presidenza è riconosciuto ogni più ampio potere di ordinaria e straordinaria amministrazione per l’attuazione degli scopi e la gestione dell’Ente, sulla base degli indirizzi ricevuti dall’assemblea dei soci.
  4. Ad esso è affidata la gestione del patrimonio sociale.
  5. Il Consiglio di Presidenza, tra l’altro:
    • Sovraintende a tutte le attività dell’ente, imprimendo e garantendo unità di indirizzo e coordinata pianificazione e sviluppo degli interventi;
    • Individua e fissa le specifiche modalità di attuazione dei fini generali dell’Ente e gli obiettivi ritenuti di volta in volta prioritari; disciplina i vari interventi ed iniziative approvandone i relativi progetti generali e particolari; provvede agli accantonamenti delle risorse e mezzi dell’Ente nei modi, forme e tempi da esso deliberati; provvede sulla base delle risultanze contabili ad attribuire le risorse ed i mezzi in relazione agli scopi indicati all’art.3;
    • Predispone il Regolamento delle attività dell’Ente sottoponendolo all’approvazione dell’Assemblea;
    • Provvede alla compilazione del bilancio previsionale e del bilancio consuntivo da sottoporre all’approvazione dell’assemblea;
    • Regola lo svolgimento dell’attività sociale, il funzionamento e l’uso dei beni dell’Ente; f) Il Consiglio con apposita deliberazione potrà delegare parte dei propri poteri, così come l’esecuzione di determinati atti, al Presidente e al Vice Presidente, nonché delegare uno o più consiglieri per il compimento di specifici mandati.
    • Provvede, su proposta del Presidente e/o del Vice Presidente, a conferire al Collegio dei Revisori la funzione propria di Organismo di Vigilanza di cui al D.Lgs 231/2001.
  6. Il Consiglio di Presidenza si riunisce su convocazione del Presidente, ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno o su richiesta di almeno un terzo dei Consiglieri in carica. La convocazione dovrà essere effettuata mediante comunicazione scritta ai suoi membri presso il domicilio da ciascuno indicato, anche a mezzo fax o posta elettronica, almeno 5 giorni prima della riunione e dovrà contenere l’ordine del giorno, il luogo, il giorno, l’ora della riunione; in caso di urgenza, il Consiglio potrà essere convocato anche telefonicamente con un preavviso di 48 ore.
  7. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza di almeno la metà dei Consiglieri nominati da ciascun socio.
  8. Le deliberazioni sono validamente assunte quando riportino il voto favorevole di almeno la metà più uno dei presenti.
  9. Il libro delle riunioni e delle deliberazioni del Consiglio di Presidenza è tenuto a cura del Presidente presso la sede sociale.
  10. Il Consiglio di Presidenza, laddove sia indicato nell’avviso di convocazione, può riunirsi in audio/video conferenza, con interventi dislocati in più luoghi, audio/video collegati, a condizione che siano rispettati il metodo collegiale ed i principi di buona fede e di parità di trattamento dei soci.
  11. In particolare è necessario che:
    • sia consentito al Presidente di accertare l’identità e la legittimazione degli intervenuti, regolare lo svolgimento della stessa, constatare e proclamare i risultati della votazione;
    • sia consentito al soggetto verbalizzante, di percepire adeguatamente gli eventi oggetto di verbalizzazione;
    • sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione e alla votazione simultanea sugli argomenti all’ordine del giorno;
    • vengono indicati nell’avviso di convocazione i luoghi audio/video collegati nei quali gli intervenuti potranno affluire, dovendosi ritenere svolta la riunione nel luogo ove saranno presenti il Presidente e/o il Vice Presidente ed il soggetto verbalizzante

 

Articolo 9 – Presidenza e Vice Presidenza

  • Il Presidente dell’Ente Bilaterale è designato dalla Associazione datoriale UNICOOP, mentre il Vice Presidente è designato dalla Federazione Nazionale UGL Terziario. Il Presidente e il Vice Presidente, hanno a tutti gli effetti, la Rappresentanza Legale dell’Ente nei confronti dei terzi in relazione al compimento degli atti autorizzati dal Consiglio di Presidenza e in ogni caso nei limiti del potere decisionale di volta in volta conferito in virtù di valida delega; ne hanno congiuntamente la firma per tutti gli adempimenti amministrativi salvo diversa deliberazione del Consiglio di Presidenza.
  • Il Presidente ha ogni potere relativo alla esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di Presidenza e dell’assemblea e ad esso spetta la supervisione delle attività sociali, nonché la convocazione dell’assemblea, ai sensi dell’art.7.
  • Il Presidente e/o il Vice Presidente propongono al Consiglio di Presidenza la nomina e la revoca del Direttore Generale.
  • Il Vice Presidente esercita le funzioni ed i poteri del Presidente, anche in caso di assenza o impedimento di questi, o su specifica sua delega per quanto riguarda le funzioni di cui al precedente punto 2.

 

Articolo 10 – Direttore Generale

  • Il Direttore Generale di “ASICOOP” è nominato e revocato dal Consiglio di Presidenza.
  • Il Direttore Generale:
    1. coadiuva ed assiste gli Organi associativi nell’espletamento dei loro compiti;
    2. partecipa, senza diritto di voto, alle riunioni degli Organi associativi;
    3. è il capo del personale e sovrintende gli uffici dell’Ente, assicurando il loro buon funzionamento;
    4. può proporre al Presidente i provvedimenti necessari in materia di ordinamento degli uffici, di trattamento giuridico-economico del personale e di assunzione o licenziamento dello stesso;
    5. può proporre al Presidente il conferimento di incarichi professionali a persone di specifica competenza.

 

Articolo 11 – Collegio dei Revisori

  • Il Collegio dei Revisori nominato dall’assemblea, in sede di costituzione o successivamente, sarà composto da tre membri effettivi così designati: 1 scelto tra i delegati di parte datoriale, 1 dal socio di parte sindacale, 1 scelto tra gli iscritti all’Albo dei Revisori Ufficiali dei Conti che svolgerà funzioni di Presidente del Collegio stesso e tre membri supplenti nominati con gli stessi criteri.
  • Competerà all’Assemblea la nomina dei Revisori venuti meno per qualsiasi motivo, così come la revoca per la giusta causa o la sostituzione dei membri ingiustificatamente assenti a più di tre riunioni consecutive del Collegio.
  • Il collegio dei Revisori interviene alle riunioni del Consiglio di Presidenza e avrà il compito di verificare l’osservanza delle disposizioni del presente Statuto, controllare l’amministrazione dell’Ente, accertare la regolare tenuta della contabilità, seguire l’attività di gestione del patrimonio e dei mezzi dell’Ente con ogni potere di accertamento e di ispezione riferendo all’Assemblea, con apposita relazione annuale sulle risultanze di bilancio.
  • Nel caso vengano rilevate irregolarità i componenti del Collegio ne riferiranno al Consiglio di Presidenza e, ove lo ritengano necessario, all’assemblea, affinché adotti i provvedimenti di competenza.
  • Il Collegio si riunirà ogni qualvolta convocato dal suo Presidente e comunque almeno ogni tre mesi.
  • Le modalità di convocazione del Collegio sono le medesime di quelle previste a proposito della convocazione del Consiglio di Presidenza.
  • Al Presidente del Collegio dei Revisori e ai Revisori spetteranno, ove deliberato dall’assemblea e nella misura da questa fissata, una indennità e/o un gettone di presenza per ogni riunione del Collegio o del Consiglio di Presidenza cui il Revisore partecipi.

 

Articolo 12 – Patrimonio Sociale

  • Tutti i mezzi patrimoniali dell’Ente, le sue rendite ed i suoi proventi, ogni e qualsiasi entrata che a qualsivoglia titolo concorra a incrementare le risorse dell’Ente e così qualsiasi bene mobile o immobile che a qualsiasi titolo sia pervenuto nella disponibilità dell’Ente, compresi i beni realizzati e/o acquisiti con le entrate di cui sopra, e così i contributi versati in adesione allo spirito e alle finalità dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sottoscritti dall’Unicoop ed UGL e suoi rinnovi successivi, i contributi eventualmente concessi da terzi pubblici o privati, inoltre, lasciti, donazioni, liberalità a qualsiasi titolo conferiti nel patrimonio dell’Ente, saranno destinati esclusivamente al conseguimento delle finalità dell’Ente o accantonati, se ritenuto necessario o opportuno, per il conseguimento delle medesime finalità in futuro. Costituiscono altresì entrate dell’Ente i contributi versati per trattamenti sanitari integrativi previsti da accordi collettivi che siano anche frutto di accordi di armonizzazione.
  • Il regime giuridico relativo ai beni e, più in generale, al patrimonio dell’Ente, è quello del “fondo comune” regolato per solidale irrevocabile volontà dei soci dalle previsioni del presente Statuto, con espressa esclusione e conseguente inapplicabilità delle disposizioni in tema di comunione di beni.
  • . I soci non hanno diritto a titolo alcuno sul patrimonio dell’Ente sia durante la vita dell’Ente che in caso di scioglimento dello stesso.

 

Articolo 13 – Esercizio e Bilancio

  • L’esercizio dell’Ente inizia il 1° Luglio e termina il 30 Giugno di ogni anno.
  • Entro il 15 Ottobre il Consiglio di Presidenza depositerà presso la sede dell’Ente il bilancio consuntivo dell’anno precedente e il bilancio previsionale corredato della Relazione del Consiglio di Presidenza e del Collegio dei Revisori sullo stato e le prospettive dell’ente. Entro il 30 Ottobre, l’Assemblea approva il bilancio consuntivo dell’anno precedente e il bilancio previsionale, predisposti dal Consiglio di Presidenza.

 

Articolo 14 – Scioglimento

  • Nel caso di scioglimento per qualsivoglia motivo, l’intero patrimonio dell’Ente una volta proceduto all’integrale pagamento degli eventuali debiti, sarà devoluto, sulla base di apposito accordo, a favore di enti pubblici e privati aventi finalità analoghe a quelle perseguite dall’Ente.
  • In caso di scioglimento il Consiglio di Presidenza nominerà due commissari liquidatori in rappresentanza dei due soci.
  • xxx
  • xxx
  • xxx
  • xxx
  • xxx

 

Articolo 15 – Regolamento delle attività di ASICOOP

  • Le attività dell’Ente ed ogni altra materia attinente allo svolgimento delle stesse, sono disciplinate oltre che dal presente Statuto, da apposito Regolamento predisposto dal Consiglio di Presidenza ed approvato dall’assemblea.

 

Articolo 16 – Disposizioni Finali

  • Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto e dal Regolamento delle attività, valgono le disposizioni di legge vigenti in materia, e segnatamente quelle in materia di Associazioni senza scopo di lucro.
  • In ogni caso, per solidale irrevocabile volontà delle parti stipulanti l’interpretazione e l’applicazione delle disposizioni statutarie, regolamenti e di legge, dovrà tenere in preminente considerazione ed apprezzamento il testo, lo spirito e le ampie riconosciute finalità dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sottoscritti da Unicoop e Ugl